Natura nel piatto

Pubblicato il Pubblicato in Video

Video di Lucia

Natura nel piatto

Natura nel piatto – 28/01/2017
Dalle Alpi a Capo Passero, un viaggio nel mondo dell’agricoltura naturale per capire, dalla voce di chi è tornato a pratiche agronomiche ormai dimenticate, quanto policoltura, rotazioni e compost possano restituire fertilità ai terreni agricoli desertificati da sessant’anni di trattamenti chimici. Il reportage inizia a Rovasenda, nel Vercellese, dove la famiglia Stocchi da oltre dieci anni pratica la policoltura producendo un riso senza chimica e risparmiando ogni anno novantamila euro tra diserbanti, pesticidi e passaggi di trattore per spargerli nei campi. Si arriva poi in Sicilia, tra Ragusa e Siracusa, dove molti contadini hanno abbandonato la coltivazione dei grani moderni dal glutine rinforzato tornando a piantare la Timilia e il Russello, due varietà di frumento autoctoni, innescando una filiera che fa bene alla terra e fa bene alle casse dell’aziende agricole schiacciate dalla globalizzazione. “Natura nel piatto” si occupa anche di vino naturale visitando a Novi Ligure, in provincia di Alessandria, l’azienda di Stefano Bellotti che spiega come e perché vigne e cantine siano state colonizzate dalla chimica e come, invece, sia possibile farne a meno tornando a fare il vino come una volta. Di Alessandro Gaeta

Presadiretta St 2018/19 La città si cura – 17/09/2018

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Video
La città sicura

Cosa bisogna fare per rendere le nostre città più sicure e ridare fiducia ai cittadini? Come superare l’allarme sociale nato con l’arrivo dei migranti e la rabbia che ha assunto le forme del razzismo e dell’intolleranza? PresaDiretta è andata a raccontare come si vive in un quartiere di una città bella, colta e agiata come Parma, che si è trasformato in una piazza di spaccio.

Apri: Geo- Mente e Spiritualità

Pubblicato il Pubblicato in Video

Screenshot (107)

Geo – Mente e Spiritualità

GeoSt 2018/19 Spiritualità e mente

Primo novembre, per i cristiani è la festa di tutti i santi. Da sempre l’uomo cerca e coltiva una propria sfera spirituale in cui trovare rifugio, conforto, sicurezza per il futuro e questo vale per tutte le religioni del mondo. Ma cosa succede al nostro cervello quando preghiamo o meditiamo? C’è un legame tra fede spirito e cervello? Lo chiediamo a Piero Barbanti, Primario Neurologo dell’Istituto Scientifico San Raffaele Pisana di Roma