Basterebbero poche migliaia di euro per realizzare una piattaforma che consenta di sottoscrivere online referendum e iniziative popolari, permettendo così ai cittadini di esercitare i propri diritti alla democrazia diretta attraverso la rete. La soluzione esiste già, basta volerla adottare. L’appello al Governo.